Atti e Convegni (10)
  • Introduction by Angelo Troìa:

    “On behalf of the Organising Committee, I am very happy to welcome you to the 22nd Meeting of the Group of European Charophytologists (GEC), held in Palermo, Italy from September 17 to 21, 2018. The 22nd GEC Meeting is convened by the International Research Group on Charophytes (IRGC) and organised by the Department of Biological, Chemical and Pharmaceutical Sciences and Technologies (STEBICEF) of the University of Palermo, in collaboration with the Interdepartmental Research Centre on Technology-Environment Interaction (CIRITA) of the same University, and FORUM PLINIANUM onlus. The lectures and poster presentations will be held at the Botanical Garden, part of the University Museum System. As far as I know, this is the first GEC meeting in Italy, so I am particularly proud of this, but also hopeful that this meeting can contribute to attract more attention from researchers, field biologists and politicians (s. l.) on this particular group of plants: they are in fact so important from several points of view, from evolutionary studies to applied ecology, from palaeontology to physiology”.

    22ND MEETING OF THE GROUP OF EUROPEAN CHAROPHYTOLOGISTS (GEC) by: Angelo Troìa 5,90

    GROUP OF EUROPEAN CHAROPHYTOLOGISTS

    Introduction by Angelo Troìa:

    “On behalf of the Organising Committee, I am very happy to welcome you to the 22nd Meeting of the Group of European Charophytologists (GEC), held in Palermo, Italy.
    The 22nd GEC Meeting is convened by the International Research Group on Charophytes (IRGC) and organised by the Department of Biological, Chemical and Pharmaceutical Sciences and Technologies (STEBICEF) of the University of Palermo. In collaboration with the Interdepartmental Research Centre on Technology-Environment Interaction (CIRITA) of the same University, and FORUM PLINIANUM onlus.
    The lectures and poster presentations will be held at the Botanical Garden, part of the University Museum System.

    As far as I know, this is the first GEC meeting in Italy, so I am particularly proud of this, but also hopeful that this meeting can contribute to attract more attention from researchers, field biologists and politicians (s. l.). This particular group of plants are so important from several points of view, from evolutionary studies to applied ecology, from palaeontology to physiology”.

    Per altri prodotti della stessa collana, clicca QUI.

  • Aria, il Respiro della Terra/ Air, The Earth Breath

    I primi filosofi greci cercavano l’origine dei fenomeni nelle entità della realtà naturale.

    Infatti, fra le quattro cosmogonie generatrici, il Fuoco, l’Acqua, la Terra e l’Aria, quest’ultima ricopre un ruolo indispensabile nel passaggio che porta alla creazione del mondo e della natura.

    Oggi ci troviamo di fronte ad un bivio offuscato da nebbie che sembrano non volere scomparire e che non ci permettono di scegliere quale sia la strada più corretta per garantire un futuro alla nostra Terra e all’Umanità.

    Parlare di Aria e del suo rapporto con l’uomo significa indagare su aspetti che agiscono sull’ambiente, sul contesto, sulla natura e sull’uomo stesso.

    E’ possibile anche considerare l’Aria come promotrice e ispiratrice di originali attività creative.

    Queste considerazioni sono stati gli input del Convegno Internazionale da cui prende il nome questo volume.

    Acquista Aria, il Respiro della Terra e scopri il nostro catalogo QUI
    Visita le nostre pagine Facebook e Instagram per rimanere sempre aggiornato

     

     

    Aria il Respiro della Terra by: Salvatore Cusumano, Giuseppe De Giovanni, 35,00

    Aria, il Respiro della Terra/ Air, The Earth Breath

    I primi filosofi greci cercavano l’origine dei fenomeni nelle entità della realtà naturale.

    Infatti, fra le quattro cosmogonie generatrici, il Fuoco, l’Acqua, la Terra e l’Aria, quest’ultima ricopre un ruolo indispensabile nel passaggio che porta alla creazione del mondo e della natura.

    Oggi ci troviamo di fronte ad un bivio offuscato da nebbie che sembrano non volere scomparire e che non ci permettono di scegliere quale sia la strada più corretta per garantire un futuro alla nostra Terra e all’Umanità.

    Parlare di Aria e del suo rapporto con l’uomo significa indagare su aspetti che agiscono sull’ambiente, sul contesto, sulla natura e sull’uomo stesso.

    E’ possibile anche considerare l’Aria come promotrice e ispiratrice di originali attività creative.

    Queste considerazioni sono stati gli input del Convegno Internazionale da cui prende il nome questo volume.

    Acquista Aria, il Respiro della Terra e scopri il nostro catalogo QUI
    Visita le nostre pagine Facebook e Instagram per rimanere sempre aggiornato

     

     

  • L’Accademia Nazionale di Scienze, Lettere e Arti di Palermo, di cui Nicola Bonacasa fu presidente negli ultimi anni della sua vita, ha organizzato una tavola rotonda, il 7 aprile 2016 nell’Aula Magna della Facoltà di Lettere di Palermo.
    Nicola Bonacasa (1931-2015) si è laureato nel 1954 a Palermo con una tesi su Alessandria di Egitto e l’arte alessandrina, sotto la guida di Achille Adriani. Allievo della Scuola Nazionale di Archeologia a Roma, completò la propria formazione presso la Scuola Archeologica italiana di Atene (1957) sotto la direzione di Doro Levi. È stato membro di missioni archeologiche in Italia e all’estero.

    Atti della giornata di studio in memoria di Nicola Bonacasa by: 10,00
    Collana Atti e Convegni – “Atti della giornata di studio in memoria di Nicola Bonacasa”. Premessa di Vincenzo Rotolo
  • La pubblicazione degli atti del 1° seminario di approfondimento sul ruolo dell’Arma dei Carabinieri alla lotta contro la Mafia nella collana Atti e Convegni della Palermo University Press, vuole essere la testimonianza dell’intensa collaborazione che si è instaurata tra l’Arma e l’Ateneo palermitano per la costruzione di percorsi condivisi per un corretto approccio alla memoria degli eventi che hanno caratterizzato la “stagione del terrore” culminata con l’assassinio di Carlo Alberto dalla Chiesa.
    L’Università ha il dovere di assicurare la trasmissione dei valori fondamentali che stanno alla base del nostro vivere comune e di garantire una formazione che sia rivolta al consolidamento di un metodo di lavoro che si fondi sul sapere critico. Deve contribuire a rafforzare il valore della memoria, conciliando la memoria personale con quella collettiva e la memoria del passato con il presente in modo da evitare che l’oblio cali su alcuni momenti critici della nostra storia. L’Università deve, in altri termini, rendere disponibili quegli “strumenti” culturali, di metodo critico, di formazione del sapere e di comunicazione necessari per il futuro dei nostri giovani e della nostra società. (dalla Premessa di F. Micari)

    Carlo Alberto Dalla Chiesa: La lotta dell’Arma alla mafia by: 10,00

    CARLO ALBERTO DALLA CHIESA
    Dalla Premessa del Magnifico Rettore Fabrizio Micari:
    L’Ateneo palermitano nel settembre 2017 ha organizzato, in sinergia con l’Arma dei Carabinieri, un convegno dedicato a Carlo Alberto dalla Chiesa che porta come sottotitolo i due termini: terrorismo e “cosa nostra”.
    I due termini costituiscono i due pilastri sui quali si è consumato il percorso professionale e umano del Generale.
    Due fenomeni che hanno messo in discussione la tenuta democratica della nostra nazione, sono state fondamentali per la sperimentazione di una strategia investigativa innovativa. […] Gli interventi di questo seminario sono importanti perché ricostruiscono il contesto in cui matura la determinazione della condanna a morte del Generale. Una tragica sequenza di morti e di intimidazioni che non bisogna rimuovere dalla memoria collettiva ma tenere sempre presente. Il nostro compito, è quello di costruire una identità con la storia e con la memoria.

    Altri prodotti della stessa collana, cliccando QUI.

  • Atti del 2° seminario di approfondimento, Palermo, Settembre 2017
    Dalla Premessa del Magnifico Rettore Fabrizio Micari:
    L’Ateneo palermitano nel settembre 2017 ha organizzato, in sinergia con l’Arma dei Carabinieri, un convegno dedicato a Carlo Alberto dalla Chiesa che porta come sottotitolo i due termini: terrorismo e “cosa nostra”. I due termini costituiscono i due pilastri sui quali si è consumato il percorso professionale e umano del Generale. Le esperienze maturate in questi due momenti fondamentali della lotta a due fenomeni che hanno messo in discussione la tenuta democratica della nostra nazione, sono state fondamentali per la sperimentazione di una strategia investigativa innovativa. […] Gli interventi di questo seminario sono importanti perché ricostruiscono il contesto in cui matura la determinazione della condanna a morte del Generale. Una tragica sequenza di morti e di intimidazioni che non bisogna rimuovere dalla memoria collettiva ma tenere sempre presente. Il nostro compito, è quello di costruire una identità con la storia e con la memoria.

     

    Carlo Alberto Dalla Chiesa: La lotta dell’Arma alla mafia, terrorismo e “Cosa Nostra” by: AA. VV. 10,00

    CARLO ALBERTO DALLA CHIESA
    Dalla Premessa del Magnifico Rettore Fabrizio Micari:
    L’Ateneo palermitano nel settembre 2017 ha organizzato, in sinergia con l’Arma dei Carabinieri, un convegno dedicato a Carlo Alberto dalla Chiesa che porta come sottotitolo i due termini: terrorismo e “cosa nostra”.
    I due termini costituiscono i due pilastri sui quali si è consumato il percorso professionale e umano del Generale.
    Due fenomeni che hanno messo in discussione la tenuta democratica della nostra nazione, sono state fondamentali per la sperimentazione di una strategia investigativa innovativa. […] Gli interventi di questo seminario sono importanti perché ricostruiscono il contesto in cui matura la determinazione della condanna a morte del Generale. Una tragica sequenza di morti e di intimidazioni che non bisogna rimuovere dalla memoria collettiva ma tenere sempre presente. Il nostro compito, è quello di costruire una identità con la storia e con la memoria.

    Altri prodotti della stessa collana, cliccando QUI.

     

  • Nel 2016 si è celebrato in tutto il mondo il quarto centenario della morte di Miguel de Cervantes, autore del Don Chisciotte della Mancia (1605-1615), uno dei libri più letti al mondo, che ha attraversato questi quattro secoli godendo di un sempre rinnovato interesse.
    La Sicilia ha voluto rendere omaggio allo scrittore spagnolo, che visse nelle sue città momenti importanti della sua vita militare, in uno scenario che si estende al Canale di Sicilia e alle isole minori. La manifestazione organizzata ha messo in luce i rapporti della vita e delle opere dello scrittore spagnolo sia con l’Isola e con la sua cultura sia con le istituzioni militari che dalla Sicilia contribuirono al successo della battaglia di Lepanto (7 ottobre 1571). Si è anche evidenziato come la inesauribile ricchezza semantica del capolavoro cervantino abbia permesso continue esplorazioni del testo e della vitalità che ha mantenuto nel tempo, aprendosi a continue riscoperte della sua attualità nei diversi campi della cultura moderna e contemporanea. Nel complesso degli studi presentati in questo volume non mancano riferimenti alle altre numerose opere di Cervantes, di cui si sono celebrati con costante interesse i centenari nell’arco di tempo che va dal 2013 al 2017

    Cervantes nel secondo millennio. Uno nuovo sguardo con la Sicilia sullo sfondo by: Marialaura Cascio, Maria Caterina Ruta, 15,00

    Cervantes nel secondo millennio. Uno nuovo sguardo con la Sicilia sullo sfondo

    Nel 2016 si è celebrato in tutto il mondo il quarto centenario della morte di Miguel de Cervantes.
    Egli è l’autore del Don Chisciotte della Mancia. Si tratta di uno dei libri più letti al mondo, che ha attraversato questi quattro secoli godendo di un sempre rinnovato interesse.

    La Sicilia ha voluto rendere omaggio allo scrittore spagnolo, che visse nelle sue città momenti importanti della sua vita militare, in uno scenario che si estende al Canale di Sicilia e alle isole minori.

    La manifestazione organizzata ha messo in luce i rapporti della vita e delle opere dello scrittore spagnolo.

    Inoltre, si è evidenziato, attraverso il volume, come la inesauribile ricchezza semantica del capolavoro abbia permesso continue esplorazioni del testo e della vitalità che ha mantenuto nel tempo, aprendosi a continue riscoperte della sua attualità nei diversi campi della cultura moderna e contemporanea.

    Nel complesso degli studi presentati in questo volume non mancano riferimenti alle altre numerose opere di Cervantes, di cui si sono celebrati con costante interesse i centenari nell’arco di tempo che va dal 2013 al 2017

    Per ulteriori informazioni, cliccare QUI.

  • The volume gives new insights into aspects of Irish-Italian Cultural Studies, while offering a new cultural perspective offered by academics from different countries as well as a homage to William Butler Yeats on the 150th anniversary of his birth.
    Keywords: Ireland/Italy relations; literature, liminality, Irish culture and identity; translation studies. The position of Ireland − historical, as well as geographical and cultural − and the moments of change through which Ireland has passed and is passing have it a liminal space. The legacy of the past is intersecting with the present. Traditions are questioned and future outcomes are thrown into doubt. Furthermore, physical and social mobility − the phenomena of the new rich and the new poor and of economic migration into Ireland rather than out of Ireland − confirms the state of Ireland as a stepping stone, a land ‘betwixt and between’, which implies such concepts as identity and difference and conveys feelings of separation, marginality and (re)assimilation. As Irish culture and identity were and are being shaped by the diaspora and other forms of expatriation, in our days vicinity with new migrants is contributing to the construction of a modern country. The book will probe into the diverse dimensions of liminality as they manifest themselves, mainly analyzing the relations between Irish and Italian literature and culture, giving particular importance to processes of interaction and confrontation of cultural identities which are often the prerogative of mobility experiences. The book will also celebrate the work of Nobel laureate WB Yeats, who spent some time in Italy,
    on the 150th anniversary of his birth.

     

    Irish-Italian Studies. New perspectives on cultural mobility and permeability by: Chiara Sciarrino 15,00

    Irish-Italian Studies è un libro che fa parte della collana Atti e Convegni.

    Chiara Sciarrino, durante il suo viaggio in Irlanda, ha studiato la cultura italiana vista dagli irlandesi.

    I inevitably felt the need to investigate the ways in which Italians and Italian cultures were viewed.

     

    Questo libro contiene i documenti della Decima Conferenza della Federazione Europea delle Associazioni e dei Centri degli Irish Studies.

    Per ulteriori prodotti della stessa collana, clicca QUI.

     

  • Il teatro antico è insieme uno dei lasciti più significativi della cultura greca e latina ed un nostro patrimonio, perché conserva vitalità e freschezza straordinarie, parlando oggi più che mai al nostro presente: si moltiplicano le stagioni drammatiche dedicate alle scene greco-romane; si succedono senza sosta le rivisitazioni e le trasmigrazioni di genere e di codice di pièces tragiche e comiche; è sensibilmente cresciuta e maturata l’attenzione critica ai testi teatrali nel campo degli studi di antichistica. Proprio in questo ricco e variegato panorama di interessi si colloca una parte significativa dell’attività scientifica di Gianna Petrone, che ha inteso innanzitutto esplorare la complessità della scrittura teatrale antica e le sue molteplici possibilità, con particolare riguardo per la drammaturgia latina tanto nella sua fitta trama di rapporti con quella greca quanto nelle esperienze di riappropriazione e di riscrittura nell’ambito delle letterature europee. Il volume raccoglie quindici saggi critici di amici e colleghi, che vogliono in tal modo dedicare un omaggio a Gianna in occasione del suo recente pensionamento, certi che proprio un quadro di riflessione sul teatro antico possa costituire un dono gradito ed un invito a proseguire su questo versante di studi.

     

    Novom Aliquid Inventum. Scritti sul teatro antico per Gianna Petrone by: Maurizio Massimo Bianco, Alfredo Casamento, 20,00

    Il teatro antico è insieme uno dei lasciti più significativi della cultura greca e latina, un nostro patrimonio, perché conserva vitalità e freschezza straordinarie.
    Si moltiplicano le stagioni drammatiche dedicate alle scene greco-romane; si succedono senza sosta le rivisitazioni e le trasmigrazioni di genere e di codice di pièces tragiche e comiche; è sensibilmente cresciuta e maturata l’attenzione critica ai testi teatrali nel campo degli studi di antichistica.

    Proprio in questo ricco e variegato panorama di interessi si colloca una parte significativa dell’attività scientifica di Gianna Petrone, che ha inteso innanzitutto esplorare la complessità della scrittura teatrale antica e le sue molteplici possibilità, con particolare riguardo per la drammaturgia latina tanto nella sua fitta trama di rapporti con quella greca quanto nelle esperienze di riappropriazione e di riscrittura nell’ambito delle letterature europee.

    Questo volume raccoglie quindici saggi critici di amici e colleghi, che vogliono dedicare un omaggio a Gianna in occasione del suo recente pensionamento. Certi che, proprio un quadro di riflessione sul teatro antico, possa costituire un dono gradito ed un invito a proseguire su questo versante di studi.

    Per ulteriori prodotti della stessa collana, clicca QUI.

  • The Symposium “Updates in Pathobiology: Causality and Chance in Ageing, Age-related diseases and Longevity” was held on March 24 in Palermo, 2017 (Sala delle Capriate, Palazzo Chiaramonte Steri), the day after exams for obtaining the title of PhD in Molecular Medicine and Biotechnology XXIX, Cycle (Coordinator Prof. Calogero Caruso) by seven PhD candidates; four of them have been awarded the title of Doctor Europaeus.

    Proceedings of the Symposium “Updates in Pathobiology”: Causality and Chance in Ageing, Age-related diseases and Longevity by: Calogero Caruso, Giulia Accardi, 10,00

    The Symposium “Updates in Pathobiology: Causality and Chance in Ageing, Age-related diseases and Longevity” was held on March 24 in Palermo, 2017 (Sala delle Capriate, Palazzo Chiaramonte Steri), the day after exams for obtaining the title of PhD in Molecular Medicine and Biotechnology XXIX, Cycle (Coordinator Prof. Calogero Caruso) by seven PhD candidates; four of them have been awarded the title of Doctor Europaeus.

    La casa editrice Edity lavora in collaborazione con Palermo University Press, con l’obiettivo di rendere disponibile la conoscenza accademica su scala globale.
    Infatti, Atti e Convegni è una collana della University Press che si occupa proprio di questo.

    Per ulteriori informazioni, cliccare QUI.

  • A comprehensive guide for botanical excursions in Central and Western Sicily, including 24 itineraries described in every detail and illustrated by maps and photographs of the excursion sites. The book illustrates, as well, the whole flora of Sicily (more than 3000 species of vascular plants) arranged in synoptic tables and provides an up-to date syntaxonomy and bibliography of the phytosociological classification of the Sicilian vegetation.
    The guide was prepared for the 60th Annual Symposium of the International Association for Vegetation Science, held in Palermo, Italy, on June 20–24, 2017. The symposium saw 393 participants from 56 States across 5 continents. The abstract book is available for free download in this website.

    *******************

    Contents

    Introduzione
    Itineraries
    I. The coastal capes around Palermo
    II. The northwestern corner
    III. Salt pans, salt marshes and lagoons of western Sicily
    IV. The south-western corner
    V. Evaporitic memories
    VI. Sandy hills
    VII. Nebrodi Mts
    VIII. Madonie Mts
    IX. The wood of Ficuzza and Rocca Busambra
    X. Other itineraries
    Syntaxonomic list of the vegetation units
    Thematic bibliography
    Index of species
    Index of families

    The 60th IAVS Annual Symposium. Botanical Excursions in Central and Western Sicily by: Riccardo Guarino, Salvatore Pasta, 30,00

    A comprehensive guide for botanical excursions in Central and Western Sicily.
    24 itineraries described in every detail and illustrated by maps and photographs of the excursion sites.

    The book illustrates, as well, the whole flora of Sicily (more than 3000 species of vascular plants) arranged in synoptic tables and provides an up-to date syntaxonomy and bibliography of the phytosociological classification of the Sicilian vegetation.
    The guide was prepared for the 60th Annual Symposium of the International Association for Vegetation Science, held in Palermo, Italy, on June 20–24, 2017.

    Finally, the symposium saw 393 participants from 56 States across 5 continents. The abstract book is available for free download in this website.

    Contents:

    Introduzione
    Itineraries
    I. The coastal capes around Palermo
    II. The northwestern corner
    III. Salt pans, salt marshes and lagoons of western Sicily
    IV. The south-western corner
    V. Evaporitic memories
    VI. Sandy hills
    VII. Nebrodi Mts
    VIII. Madonie Mts
    IX. The wood of Ficuzza and Rocca Busambra
    X. Other itineraries
    Syntaxonomic list of the vegetation units
    Thematic bibliography
    Index of species
    Index of families